Derry è una delle città più antiche d’Irlanda e, grazie al suo titolo di Città della Cultura nel 2013, è divenuta una delle più famose, essendo anche considerata dalla guida Lonely Planet una delle cinque città dell’isola che vale la pena visitare. La città continua a segnare dei record nel numero di visitatori ed è stata nominata dallo USA Today come una delle migliori destinazioni al mondo dove trascorrere Halloween. Siamo attualmente impegnati in una proposta congiunta con Belfast per aspirare al titolo di Capitale Europea della cultura nel 2023. Le origini della città moderna risalgono alla fondazione di un monastero in un bosco di querce (‘Doire’ in lingua gaelica, successivamente anglicizzato in ‘Derry’) da parte del nostro Santo Patrono, St Columbs (conosciuto anche con il nome di Colmcille), nel VI secolo. La città era la località del più grande insediamento della Colonia dell’Ulster 400 anni fa. Le mura cittadine sono state costruite per proteggere i coloni inglesi e scozzesi e dominano ancora oggi il centro della città. WP_20160306_15_07_33_Pro (2) Quelle stesse mura sono ancora intatte dopo quattrocento anni e oggi costituiscono un fantastico percorso pedonale da percorrere con una guida specializzata per poter scoprire la storia della città. Durante il percorso potrai vedere la maestosa architettura in stile georgiano, che ha sostituito l’originale stile delle costruzioni della città, devastate dall’offensiva dei Giacobiti durante l’assedio di Derry, nel 1689, in occasione della competizione tra Giacomo II e Guglielmo III d’Orange per il controllo del trono inglese. Nel XVIII e XIX secolo la città ha visto un imponente sviluppo industriale soprattutto per quanto riguarda la produzione di whisky, la lavorazione del tabacco e, in particolare, la produzione di camicie. Al tempo, il porto di Derry non solo vide l’esportazione di questi beni, ma anche un imponente flusso migratorio, costituito da tutti coloro che giungevano dal resto del Paese con la speranza di raggiungere l’America, l’Inghilterra e l’Australia per cercare vita migliore. Questo si riflette oggi nel gran numero di turisti che visitano la città per ricercare le proprie origini e ricostruire la genealogia delle proprie famiglie tramite la nostra azienda.
irelandhist

Con la divisione dell’Irlanda, nel 1921, Derry è divenuta una città di confine, fatto che ha generato profondi subbugli economici e politici, culminati nella campagna per i diritti civili della fine degli anni Sessanta e nei successivi conflitti, come la Battaglia del Bogside, il Bloody Sunday e gli scioperi della fame del 1980 e del 1981. La partecipazione all’interno processo di pacificazione di personaggi politici chiave, come Martin McGuinness e John Hume, a partire dalla metà degli anni Ottanta ha visto la trasformazione della città stessa nel corso degli ultimi vent’anni. Questa trasformazione è culminata con gli eventi organizzati in occasione della Città della Cultura nel 2013, compreso il Fleadh Ceoil na hEireann, il più grande festival di musica tradizionale irlandese al mondo.

Untitled design (4) copy

Halloween a Derry!